Standard del P. T.

l. Aspetto generale

Il cane da pastore tedesco è leggermente allungato, forte e ben muscoloso.
La sua ossatura è asciutta e la struttura solida. Il rapporto altezza-lunghezza e la posizione e il rapporto delle membra (angolature) sono armonizzati in modo da garantire un trotto ampio e di grande resistenza. Dispone anche di un mantello resistente alle intemperie. E’ auspicabile un aspetto elegante, ma ciò non deve andare a scapito delle capacità di lavoro del cane. L’impronta del sesso deve essere evidente, vale a dire la mascolinità del maschio e la femminilità della femmina devono essere inconfondibili.
Il pastore tedesco corrispondente all’immagine dello standard procura all’osservatore un’impressione di forza naturale, di intelligenza ed agilità, nel perfetto equilibrio delle parti.

 

2. Testa e collo

Testa proporzionata alla dimensione del corpo (lunghezza di circa il 40% dell’altezza al garrese), senza essere tozza oppure troppo leggera o troppo allungata. Nell’insieme asciutta, moderatamente ampia tra le orecchie. La fronte, vista davanti e di lato, appare solo leggermente ricurva, senza o con solco mediano appena accennato. Le guance sono lateralmente leggermente arrotondate e non devono sporgere in avanti. li cranio (circa il 50% dell’intera lunghezza della testa) visto dall’alto, si estende dalle orecchie verso il tartufo, restringendosi a poco a poco uniformemente, con salto naso-frontale non molto accentuato, verso il muso lungo e asciutto che si presenta in forma conica con mascella superiore e mascella inferiore solidamente sviluppata. La larghezza del cranio deve corrispondere circa alla sua lunghezza; nei maschi è tollerato superare leggermente tale limite, nelle femmine restarne leggermente al disotto.
La bocca è potente, le labbra sono tese, asciutte e devono combaciare bene. La canna nasale diritta decorre quasi seguendo la linea di prolungamento della fronte. La dentatura deve essere sana, robusta e completa (42 denti). Dentatura con chiusura a forbice. La dentatura sporgente, sia superiore che inferiore, è da considerare difettosa; lo stesso vale per larghi interstizi fra i denti. Difettosa è anche da ritenersi la dentatura a tenaglia. Le mandibole devono essere robuste e ben sviluppate affinché i denti siano collocati in profondità nelle gengive.
Le orecchie sono di media grandezza, larghe alla base, attaccate alte, vengono portate diritte, rivolte nella stessa direzione e non una diversa dall’altra, terminano a punta ed hanno i padiglioni rivolti in avanti. Non sono ammesse orecchie tagliate o piegate. Cuccioli e cuccioloni hanno orecchie pendenti durante il periodo della dentizione, fino al sesto mese e a volte anche per un periodo più lungo. In movimento o in posizione di riposo, molti cani rilassano le orecchie e questo non è da considerarsi difetto. Occhi di media grandezza, a mandorla, leggermente obliqui e non sporgenti. Il colore è adeguato a quello del pelo, possibilmente scuro. Gli occhi mostrano un’espressione vivace, intelligente e sicura.
Collo forte, con muscoli ben sviluppati, senza pelle floscia (giogaia). Viene portato con un’angolazione di circa 45° rispetto alla linea orizzontale; si drizza quando il cane è eccitato e si abbassa durante il trotto.

 

3. Tronco

La lunghezza del tronco deve superare la misura dell’altezza al garrese, cioè deve essere circa 110-117% dell’altezza al garrese. Sono da scartare i cani nell’insieme corti, tozzi e alti di gambe.
Petto ben disceso (circa 45-48% dell’altezza al garrese), ma non troppo largo.
Parte inferiore del petto possibilmente lunga e ben sviluppata. Costole ben formate e lunghe, né a botte, né troppo piatte, si articolano allo sterno che arriva fino al gomito. Ventre moderatamente retratto. Dorso, compresi i lombi, diritto e solidamente sviluppato. Non troppo lungo tra garrese e groppa. Garrese lungo e abbastanza alto, ben accentuato rispetto al dorso verso il quale scorre dolcemente senza interrompere la linea dorsale, leggermente inclinata dall’anteriore verso il posteriore. Lombi ampi, robusti e con buona muscolatura. Groppa lunga e leggermente inclinata (circa 23°). Da scartare una groppa corta, troppo inclinata o diritta.

 

4. Coda

Folta e pelosa, arriva circa fino al garretto e non deve sporgere oltre la metà del metatarso. All’estremità forma talvolta, anche se non auspicabile, una curvatura laterale. Nella posizione di riposo, la coda viene portata pendente leggermente piegata ad arco mentre, quando il cane è eccitato, la curvatura si accentua e la coda si drizza anche se non deve mai comunque superare la linea orizzontale. La coda quindi non deve essere portata diritta oppure ad anello sopra il dorso. Non ammesse le code tagliate artificialmente.

 

5. Arti anteriori e posteriori

Scapole lunghe e inclinate (circa 45°), aderenti. L’omero si chiude ad angolo quasi retto, robusto e ben muscoloso come la spalla. Avambraccio di da ogni lato. Metacarpo solido troppo diritto (circa 20°). Gomiti ne staccati né troppo aderenti. La lunghezza dell’arto deve superare la profondità del petto (circa 55°).
Cosce larghe con muscoli forti. Il femore, visto di lato, è obliquo rispetto alla tibia, leggermente più lunga, con la quale forma un angolo di circa 120°. L’angolazione corrisponde circa a quella anteriore, senza essere eccessiva. Garretto robusto e solido. Metatarso robusto con garretto ben netto. Il posteriore nell’insieme robusto e con buona muscolatura, per essere in grado di spingere il corpo del cane in avanti durante il movimento. Piedi arcuati, corti, ben chiusi e raccolti, suole durissime, non ruvide. Unghie corte e forti.

 

6. Pelo

Il pelo normale è quello cosiddetto “duro e compatto”. Il pelo di copertura deve possibilmente essere folto. Ogni singolo pelo diritto, duro e ben aderente. Sulla testa, compreso l’interno delle orecchie, sulla parte anteriore degli arti, piedi e dita il pelo deve essere corto, sul collo invece più lungo e più folto. Sulla parte posteriore degli arti anteriori e posteriori il pelo si allunga fino al garretto, mentre sulle cosce esso forma come dei calzoni.
La lunghezza dei pelo è variabile e quindi si trovano forme intermedie. E’ comunque difettoso il pelo troppo corto e morbido (da talpa).
Esiste anche il pelo lungo e compatto, in Italia non ammesso, permesso nella selezione, nella misura in cui la normativa di altri paesi lo consente. Infine vi è il “pelo lungo”, notevolmente più lungo che nel precedente, di solito molto morbido e che si divide di regola sul dorso: questo tipo di pelo non è ammesso.

 

7. Colore

Nero con focature regolari brune, gialle fino al grigio chiaro, anche con sella nera, con sfumature scure (tracce nere su base grigia o bruno chiaro con relative focature chiare), nero, grigio unito oppure con focature chiare o brune.
Il tartufo deve comunque essere nero, qualunque sia il colore dei mantello.

 

8. Statura

L’altezza al garrese ideale è di 62,5 cm per i maschi e di 57,5 cm per le femmine, concessa una differenza in più o in meno di 2,5 cm.

 

pensione cani roma, agility, campo agility, pensione per cani roma, pensione per cani roma sud, pensione per cani roma eur, asilo per cani roma, asilo per cani roma sud, asilo per cani roma eur, addestramento cani roma, addestramento cani roma sud, addestramento cani roma eur, agility roma, agility roma eur, agility roma sud, pensione gatti, asilo per cani